Home Notizie Giornata del Lavoro Agile 2015

Giornata del Lavoro Agile 2015

Venerdì 23 Gennaio 2015 17:23

banner lavoro agile 2Dopo il successo della prima edizione della Giornata del Lavoro Agile 2014, quest'anno è stata organizzata la 2° Giornata del Lavoro Agile, che si terrà il prossimo 25 marzo 2015. Come lo scorso anno, anche il Forum UCC+Social partecipa alla Giornata. 
freccia3 Consulta chi aderisce 

Per aderire è necessario registrarsi al sito www.comune.milano.it/GiornataLavoroAgile.

bullet-arancio Consultare la cartolina

Una organizzazione “agile” consente di:
- Organizzare il proprio lavoro
- Conciliare la vita privata con il lavoro
- Lavorare ovunque
- Aumentare la produttività delle aziende
- Ridurre lo stress del collaboratore
- Ridurre i tempi di spostamento
- Abbattere le emissioni inquinanti
win, win, win …..


L'estensione all'intera area metropolitana e il coinvolgimento degli oltre 40 spazi dedicati al coworking a Milano: sono due significative novità della Giornata del Lavoro Agile 2015.

Una giornata per sperimentare nuove forme di lavoro flessibile, per provare una diversa organizzazione del lavoro e della vita quotidiana. Il lavoro agile, infatti, non richiede una postazione fissa in ufficio; consente di svolgere i propri compiti ovunque, da casa, dal bar, dal parco, dalla palestra, da un ufficio decentrato o, appunto, da una postazione in coworking. È una modalità che soddisfa chi lavora e rende le imprese più competitive.

Nel 2014 furono oltre cento le imprese, dalle grandi multinazionali alle piccole realtà, che parteciparono. Impossibile fare previsioni oggi su quella che sarà la partecipazione alla seconda Giornata del Lavoro Agile, ma c'è la ragionevole cerlogo giornatala2015tezza che il numero di adesioni si moltiplichi e superi di gran lunga l'edizione 2014.

Anche quest'anno l'amministrazione comunale si fa capofila dell'iniziativa insieme ad ABI, AIDP, Anci Lombardia, Assolombarda, CGIL Milano, CISL Milano Metropoli, UIL Milano e Lombardia, SDA Bocconi School of Management, Unione Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza, Valore D.

Possono aderire alla 'Giornata del lavoro agile' le aziende private, gli enti pubblici e gli studi professionali che desiderano far sperimentare ai propri lavoratori modalità di lavoro agile, e anche a chi ha già al suo attivo accordi e forme di lavoro agile.

Anche quest'anno, con l'aiuto di tutti coloro che aderiranno, saranno verificati i vantaggi di questa modalità di lavoro alternativa in termini di benefici per i lavoratori e le lavoratrici (risparmio di tempo e flessibilità) e per l'ambiente (riduzione delle emissioni di CO2, PM10 e dei consumi energetici) con la collaborazione di AMAT (Agenzia Mobilità Ambiente e Territorio s.r.l.).

Risultati precedente edizione

Lettura

La giornata del Lavoro Agile testimonia come, quando si tratta di modificare modelli di comportamento obsoleti, il successo va ricercato nel buon avvio di un processo dimostrativo e non nel conseguimento di risultati specifici che arrivano quando le dimensioni del processo hanno raggiunto la “massa critica”.

La fase critica è l’avvio del cambiamento di una organizzazione, quando si inizia a porre in discussione quelle regole, ipostaticamente accettate, che danno forma alla resistenza al cambiamento delle abitudini.

Poco importa se il progresso sociale e tecnologico ha svuotato di significato molte delle regole organizzative del lavoro, esse continuano a costituire il metro di giudizio del funzionamento delle organizzazioni, specie quelle pubbliche che, per garantirne il rispetto, mantengono i propri sistemi organizzativi vincolati all’esecuzione di processi formali, invece di attrezzarli per perseguire obiettivi e risultati. Di qui le artificiose costruzioni e la stolida burocrazia che si ripercuotono negativamente sullo sviluppo e sulle relazioni sociali ed economiche delle città.

Lo smart working, ideale visione di un lavoro liberato da vincoli fisici e temporali, rappresenta una opportunità di trasformazione e di evoluzione per le organizzazioni e per il benessere delle città. Le amministrazioni cittadine possono svolgere un ruolo importante nell’indirizzare e sostenere questi processi avviando piattaforme di collaborazione per la pianificazione di interventi di ampio respiro che diffondano e diano spessore alle azioni dimostrative, indirizzandole ad un progetto di sviluppo e di organizzazione della città.

Marina Penna e Bruna Felici, ENEA - UC Studi e Strategie
Leggere testo completo



Ultimo aggiornamento Venerdì 20 Marzo 2015 18:26

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna