Home Notizie Conflitto: rischi e opportunità

Conflitto: rischi e opportunità

Martedì 24 Marzo 2015 17:53

Ogni giorno ci possiamo imbattere in varie forme di conflitti ed è importante saperne distinguere la tipologia e dotarsi di modelli che permettano di decidere consapevolmente come affrontare, o non affrontare, e risolvere uno specifico conflitto.

C’è chi sogna una realtà senza conflitti e altri che pensano che non ci sia realtà che non sia conflittuale.
Certo ci sono conflitti e conflitti: ci sono quelli tra due persone e quelli tra una persona e se stessa, quelli fra persone e organizzazioni, quelli fra istituzioni e quelli istituzionali, quelli persi in partenza e quelli che non si possono perdere, quelli che vorremmo evitare e quelli che ci andiamo a cercare.

Sul lavoro, così come nella vita, possiamo trovare tante e diverse modalità di conflitto: alcune di queste assumono la forma di scontri diretti e a volte violenti in cui l’oggetto del contendere è chiaro e immediatamente identificabile, altre volte i conflitti possono essere espressi in forma più soffice quasi nascosti sotto velate allusioni e accenni indiretti, difficili da leggere da parte di chi non è direttamente coinvolto, ma chiarissimi ai contendenti.

bullet arancio Conflitti sani e conflitti patologici: un confine sottile

Riuscire a individuare in tempo utile, prima che sia troppo tardi, la natura di un conflitto patologico che non prevede né soluzione né vincitori, è cruciale per l’uomo e la donna di impresa, per riuscire a non farsi coinvolgere, quando si è ancora in tempo.
E’ importante anche sapere come poterne uscire nel caso ci si trovi implicati in uno di questi conflitti senza speranza.
La chiave è nello sviluppare una forte sensibilità diagnostica per cogliere i segnali deboli dei conflitti da evitare.

bullet arancio Mettere le mani nel conflitto: tra esercizio del potere, persuasione, negoziazione
conflitto1
I conflitti sani rappresentano un momento importante nella vita di un’organizzazione ed una certa quota di conflitto è segno di vitalità in un gruppo come in una relazione. E’ necessario, però, saper “trattare” questi conflitti, partendo dalla consapevolezza degli strumenti a disposizione:

  • l’esercizio del potere,
  • l’impiego della persuasione,
  • la strada della negoziazione.

Inoltre, bisogna dotare i leader di criteri per poter scegliere la soluzione più adeguata.

Il tutto senza dimenticare che tra potere e negoziazione esiste una relazione complessa, che può arrivare a definire una quota rilevante dell’identità di un gruppo.

bullet arancio Risoluzione dei conflitti: strategie collaborative e potere negoziale

L’opportunità di affrontare un conflitto funzionale consiste nella possibilità di risolverlo con una negoziazione collaborativa. In questo modo si possono ottenere risultati superiori a quanto si possa immaginare, con il vantaggio di mantenere relazioni sane e costruttive.
Per lavorare su questa modalità occorre sviluppare stili di gestione dei conflitti e strategie negoziali che conducano a disporre di un vero potere negoziale.

conflitto2

Note tratte dal Seminario organizzato da MIP e Rotary – Milano 21 marzo 2015

Ultimo aggiornamento Martedì 24 Marzo 2015 18:09

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna