Home Notizie Video, più di e-mail e voce

Video, più di e-mail e voce

Lunedì 11 Maggio 2015 14:15

Le ricerche condotte dalla Polycom hanno identificato gli aspetti fondamentali da prendere in considerazione quando si crea una importante cultura di video collaborazione in azienda. Inoltre è stato analizzato l’impatto del video sul luogo di lavoro.

Su un campione di 800 intervistati lo stato di adozione del video risulta, in sintesi, il seguente:

  • Non solo per far meno viaggi
    I primi tre benefici più importanti della video conference, dopo il risparmio sui costi di viaggio, riguardano il miglioramento del lavoro di squadra, della produttività e del processo decisionale.
    polycom2
  • Video per chiunque
    Un intervistato su due ha dichiarato che avere un maggiore accesso al video contribuirebbe ad aumentarne l'uso.

  • Video ovunque
    Quando il video è 'democratizzato' ed in uso diffuso per le riunioni dei team, il costo sembra meno preoccupante.

  • Più facile di quanto si pensi
    Oltre l'80% degli intervistati ha indicato che la loro video conference non ha richiesto troppo tempo per il set-up.

  • Non solo per l’interno
    L’85% di chi ha frequenti rapporti con l’esterno della propria azienda ora utilizza il video come lo strumento di base.

  • Usato come il telefono
    Una società che parte con l'utilizzo programmato del video, dopo due anni nel 90% delle riunioni utilizza il video.

Leggere rapporto


Inoltre, ecco come risulta che le aziende negli Sati Uniti stiano cambiando e come questo avrà un impatto sul luogo di lavoro.

  • Il nuovo valore del video
    Entro il 2016 il video dovrebbe essere il canale preferito, davanti alle e-mail e alle chiamate vocalipolycom1.

  • Il futuro non è un luogo
    Il mercato della Video Conferencing as a Service (VCaaS) è destinato a crescere con un il tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 34% fino al 2020.

  • Fisico e digitale si fondono
    Entro il 2017 quasi il 50% di tutti i contenuti di business non sarà di tipo testuale.

  • I dati al primo posto
    Per il 67% dei manager la capacità di produrre intelligenza dall’analisi dei dati è una priorità organizzativa.

  • I problemi diventano opportunità
    l 60% dei leader tecnologici stanno riscontrando carenze di competenze all'interno dei gruppi, e ciò impedisce alla loro azienda di tenere il passo con i concorrenti.

Leggere Rapporto 

Ultimo aggiornamento Lunedì 11 Maggio 2015 14:29

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna