Home Notizie Collaboration e possibili impatti

Collaboration e possibili impatti

Lunedì 20 Luglio 2015 18:36

L’economia collaborativa viene applicata alle aree tradizionali del commercio, della produzione, della formazione e della finanza. Questi nuovi modelli di condivisione sociale fanno leva su risorse (tempo) e competenze sottoimpiegate e spesso distribuite tra i cittadini-consumatori (ora pro-sumer, meno consumatori e sempre più produttori) e, inevitabilmente, hanno un impatto crescente sullo statu quo.

I cambiamenti possono interessare vari settori e sono caratterizzati anche dall’ingresso di attori meno regolamentati.share
In tali condizioni andrebbero messe a fuoco le nuove responsabilità delle imprese e comprese - e condivise - le nuove modalità del lavoro interconnesso.
Inoltre, sarebbe utile capire quali siano i modelli di convergenza tra pubblico e privato, tra no-profit e for benefit business.

Si portano questi esempi con cenni sui possibili cambiamenti:

  • - Mobilità - Trasporto.
    Dal car polling e car sharing alla condivisione del trasporto delle merci. Con impatto sui mezzi pubblici, sull’utilizzo di infrastrutture pubbliche (strade) e sulle nuove modalità assicurative.
  • - Turismo.
    Affitto di case e condivisione di pranzi. Impatto su alberghi, su zone residenziali della città e possibile accordi con il governo della città per rivalutare alcuni quartieri.
  • - Coworking.
    Riutilizzo degli spazi condivisi con condivisione delle professioni. Con impatto sulla mobilità e sulla sostenibilità tra modelli, magari con voucher pubblici a sostegno delle iniziative private.
  • - FabLab - Manifattura distribuita.
    Spazi per condividere macchine per produrre e riparare oggetti. Impatto su manifattura tradizionale, con micro reti di produzione, minori rifiuti urbani e nuovi prodotti personalizzati.

Di fronte a questa evoluzione, la PA è generalmente disallineata, lenta a reagire, con scarse competenze. Ma esistono alcune eccezioni in positivo, tra cui la città di Milano (vedere la tavola sottoriportatas tratta da una presentazione di Simone Cicero al Forum PA).

tavola1

Ultimo aggiornamento Martedì 21 Luglio 2015 08:15

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna