Home Notizie Norme sul lavoro agile

Norme sul lavoro agile

Venerdì 29 Gennaio 2016 10:35

Il Consiglio dei ministri riunitosi giovedì 28 gennaio 2016 ha presentato il Ddl di riordino dei rapporti di lavoro autonomo, che disciplina anche il lavoro agile, ovvero il lavoro subordinato con prestazioni in parte svolte “da remoto”.

Disposizioni in materia di lavoro agile
La seconda parte del provvedimento reca diposizioni in materia di lavoro agile, che consiste, non in una nuova tipologia contrattuale, ma in una modalità flessibile di svolgimento del rapporto di lavoro subordinato quanto ai luoghi e ai tempi di lavoro finalizzata a regolare forme innovative di organizzazione del lavoro, agevolando così la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro.

Il lavoro agile consiste in una prestazione di lavoro subordinato che può essere eseguita in parte all’interno dei locali aziendali e in parte all’esterno, entro i soli limiti di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale, derivanti dalla legge e dalla contrattazione collettiva.

È previsto che:

  • il lavoratore che presta l’attività di lavoro subordinato in modalità agile ha diritto di ricevere un trattamento economico e normativo non inferiore a quello complessivamente applicato ai lavoratori che svolgono le medesime mansioni esclusivamente all’interno dell’azienda;

  • gli incentivi di carattere fiscale e contributivo eventualmente riconosciuti in relazione agli incrementi di produttività ed efficienza del lavoro subordinato, siano applicati anche quando l’attività lavorativa sia prestata in modalità di lavoro agile;

  • il datore di lavoro garantisce al lavoratore che svolge la prestazione in modalità di lavoro agile il rispetto delle norme in materia di salute e sicurezza.

 

Leggere anche:

bullet arancio Prima della Giornata Lavoro Agile

bullet arancio La terza Giornata lavoro Agile

Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Febbraio 2016 12:15

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna