Home Notizie Unified Communications Interoperability Forum

Unified Communications Interoperability Forum

Martedì 29 Giugno 2010 14:10

Il nuovo Forum Unified Communications Interoperability (UCIF) risolve i problemi di interoperabilità che frenano una più ampia adozione delle tecnologie UC?
Dal gruppo di discussione "Unfied Communications" su LinkedIn. 

Obiettivi di UCIF
L'Unified Communications Interoperability Forum (UCIF) è stato recentemente presentato come un’alleanza non-profit a livello mondiale tra i leader delle tecnologie della comunicazione che lavorano insieme per aumentare il potenziale della Unified Communications, aumentando l'efficienza, diminuiendo i costi di attuazione e migliorando l'esperienza di interoperabilità per i clienti UC.
La visione UCIF è quella di consentire l'interoperabilità di sistemi aperti, basata su standard UC hardware e software presso aziende e service provider, come mezzo per generare opportunità incrementali di business per tutti gli attori dell'ecosistema e per incrementare l'uso commerciale delle tecnologie UC e dei servizi.
L'UCIF si propone di creare documentazioni di prove di interoperabilità, individuare le linee guida di attuazione e le migliori prassi per l'interoperabilità tra i prodotti UC e le comunicazioni aziendali e le applicazioni esistenti.
Al momento hanno aderito a UCIF queste società.

Commenti
1) Credo che questo approccio può essere utile per il mercato delle aziende, al fine di ridurre il numero di bug o problemi di interoperabilità di solito scoperti sul campo.
Se ci si trova in un ambiente multi vendor si introduce un'altra complessità, perché se si parla di interoperabilità con i principali venditori, essi non potranno mai dire che si tratta di un bug….quindi è una grande notizia per chi deve fare in modo che fornitori diversi lavorino insieme.

2) Per chi fornisce accessori può essere positivo. Se si dispone di una buona soluzione innovativa vi è la possibilità di avere successo operando con altre soluzioni interoperabili.
Ma realisticamente per i clienti, con implementazioni multi-vendor, sovrapposizioni sulle legacy e cambiamento incrementale sono molto più realistici di un approccio rip-and-replace.
Nella misura in cui i fornitori possono soddisfare i clienti abbracciando l'interoperabilità, si è favorevoli. Questi standard mostrano anche una maturità del settore, che, francamente, è mancata in passato. Speriamo che questo comporti uno sforzo concreto per garantire l'interoperabilità delle tecnologie di base. Tutto ciò potrebbe garantire un nuovo livello di produttività del posto di lavoro!

3) Sono cautamente ottimista su UCIF.
Due i motivi principali. In primo luogo perché alcuni tra i maggiori fornitori di UC sono assenti da questa coalizione, i cui prodotti e soluzioni sollevano la questione di interoperabilità da parte dei clienti aziende. Inoltre, la realtà di oggi è che i produttori di prodotti UC (sia on-premise che cloud based) si concentrano sul completamento del loro portafoglio prodotti.
Inoltre i principali vendor di UC stanno già adottando l'approccio di pubblicare le specifiche di protocollo e API attraverso le quali si aspettano che sia gli altri ad interoperare (o coesistere o aggiungere valore, dipende da come si guarda) attraverso l'autenticazione, la presenza, la federazione, SIP/SEMPLICE - XMPP/Jingle di segnalazione, di CODEC, rete di stato ecc ecc 
 
4) Resta da vedere se UCIF é in grado di raccogliere le soluzioni sotto un unico ombrello per permettere la standardizzazione - cosa più facile a dirsi che a farsi. Potrebbe anche essere un semplice "definire i confini" per una battaglia di interoperabilità più grande. Ma come per tutti gli organismi di interoperabilità, ci possiamo chiedere se qualcuno dei partecipanti sarrebe disposto a ritagliare una parte delle loro soluzioni per soddisfare questo ombrello più grande. Io non mi preoccuperei tanto per la mancanza di grandi operatori nel Forum. Il ritorno e l’utilità di una soluzione UC non hanno per forza bisogno di un marchio di successo.

5) Dalla sua costituzione UCIF conta oggi su tredici fornitori, ma mancano Cisco/Tandberg, Avaya, Mitel, ShoreTel e altri ancora. Questo aspetto solleva la questione: UCIF è interessato alla interoperabilità o a cambiare il panorama del mercato per acquisire un vantaggio sui leader?

Leggere anche questa discussione su Lippis Report 

Ultimo aggiornamento Martedì 29 Giugno 2010 14:25

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna