Home Notizie Dal messaging all’audio/video

Dal messaging all’audio/video

Martedì 19 Giugno 2018 16:58

Una soluzione UCC va considerata in relazione alle esigenze espresse e valutate da ciascuna azienda, in base alle richieste di maggiore integrazione e quando serve passare dal messaging alle comunicazioni sincrone in audio/video.

bullet arancio L’indagine ha proposto alcune situazioni (funzionalità UCC scelte, possibili integrazioni, streaming meeting) per capire come esse vengono percepite dal mercato italiano e come la situazione stia evolvendo.
Nel seguito sono presentate le prime elaborazioni delle tre domande proposte al campione di questo Forum.

1) Soluzione UCC.
Nella scelta e per lo sviluppo di una soluzione UCC quale al momento é per la sua azienda, la parte imprescindibile?
- Desktop Audio/Video - Web Conferencing (50% delle risposte)lente ucc
- Tutte le funzioni: IP Telephony, Video, Desktop Audio/Video e Team Messaging (50% delle risposte)

E’ un dato di fatto ormai che molti competitor affollano l’area della desktop conferencing e collaboration (Microsoft, Cisco, Google, Zoom, Amazon), ma in generale pochi sono in grado di implementare una soluzione collaborativa end-to-end.
Si ricorda che, scondo Gartner, tale tip di soluzione comprende questi quadranti UC:
• IP Telephony
• Audio/Video (endpoint & infrastruttura)
• Desktop Audio/Video (Web conferencing)
• Team Messaging
• Contact Center.

Sul mercato si vedono spesso clienti che usano Microsoft e Google per la parte di office automation e che hanno poi l’esigenza di integrare la parte relativa al real time audio/video. In questa parte Cisco è ben posizionata (software e apparati) ed è presente in tutto lo spettro UC, ma non in alcune aree specifiche di “office automation”: mail, document management e calendar.
Ne consegue che è difficile per le aziende adottare una unica soluzione o un unico desktop collaborativo che faccia di fatto tutto.

2) Videoconference, Webconference o Audioconference.
Quanto è importante per la sua azienda integrare in un unico strumento tutte e tre queste possibilità di interazione nello stesso meeting e in modo semplice?
- è fondamentale per semplificare il modo di lavorare e aumentare la produttività (50% delle risposte)
altre opzioni:
- basterebbe unire webconference e audioconference
- non è importante in quanto usiamo strumenti consumer

3) Streaming e social.
Potrebbe essere utile poter registrare o propagare in streaming una riunione o un messaggio aziendale?
- si, se la sessione in streaming può essere gestita e controllata (50% delle risposte)
altre opzioni:
- sì, per pubblicare sui social sessioni che devono raggiungere la massima viabilità
- no, mai
- si, in alcune circostanze, ad esempio per diffondere un training

Lo streaming su Social Media é da poco disponibile con Webex di Cisco e permette di mandare in onda su Facebook o You Tube il contenuto della riunione.
Può essere utile come canale di comunicazione per il mondo B2C e quando l’azienda deve comunicare con i clienti.
Tuttavia, va considerato che molte aziende implementano ancora soluzioni di streaming su canale “privato”, tramite infrastrutture on-premises o servizio in cloud, al fine di garantirsi la confidenzialità delle informazioni e governare il controllo accessi (ad esempio, tramite un portale dedicato).

uc messaging

bullet arancio Considerazioni di mercato
Sul mercato si trovano spesso aziende che usano Microsoft e Google per la parte di office automation e che hanno poi l’esigenza di integrare la parte relativa al real time audio/video. In questa parte Cisco è ben posizionata (software e apparati) ed è presente in tutto lo spettro UC, ma non in alcune aree specifiche di “office automation”: mail, document management e calendar.
Ne consegue che è difficile per le aziende adottare una unica soluzione o un unico desktop collaborativo che faccia di tutto.

Nel definire le loro priorità le aziende distinguono le comunicazioni asincrone da quelle sincrone e considerano poi una integrazione tra le due modalità.
In tal caso, quando l’interazione deve prevedere il sincrono, Cisco può essere un fornitore favorito.
Tipicamente chi usa Google per la parte email, doc management e calendar spesso non usa poi Hangout per fare le riunioni, e può preferire Webex.
Le aziende che impiegano Microsoft per la parte email, doc management e calendar usano anche Skype For Business (Microsoft Team) per la messaggistica e le sessioni 1:1 di desktop sharing. In alcuni casi, per la parte di conferenza/meeting tali aziende richiedono esperienza d’uso e interoperabilità allineate a quelle fornite da Cisco.

Certamente oggi le aziende richiedono maggiori integrazioni e, specie quando serve passare dal messaging al sincrono audio/video, Cisco punta ad aumentare il numero di propri touch point anche in ambienti Microsoft, Google e Zoom.
Infine, va considerato che Cisco é attenta anche al mercato messaging, perché Webex Team è solido e si prevede sarà ulteriormente sviluppato portando innovazioni come l’uso di Intelligenza Artificiale (tramite BOT ad esempio) e di Assistenti Virtuali (per interagire con la voce).
Va detto che Spark è uscito prima di Microsoft Team e Google Team. Quando c’era Skype For Business, Cisco aveva già introdotto il tema di “team messaging”.

Secondo Nemertes Research, negli Usa entro la fine di quest'anno il 33% delle organizzazioni utilizzeranno, o prevedono di utilizzare, Microsoft Teams, rispetto al 21% che dichiara Webex Teams. Slack ha quasi il 15% e gli account di chat di Google Hangouts sono appena all'11%. Il resto include varie offerte come Atlassian Stride, Symphony, Facebook at Work e Mattermost.


freccia3 Chi é interessato può partecipare ora all'indagine "Dal Messaging all'audio/video"

Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Giugno 2018 14:00

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna