Home Notizie Gestione video

Gestione video

Lunedì 27 Febbraio 2012 10:40

Le opportunità per un vMSP (video Managed Service Provider). Secondo una ricerca di “Wainhouse Research” l'adozione massiva del video all'interno delle aziende sarà possibile grazie alla diffusione dei “Client UC”, applicazioni che risiedono sui desktop degli utenti e che consentono di accedere a servizi di comunicazione integrata basati sul video.

Allo stesso tempo sale di videoconferenza ad alta definizione e l'offerta di servizi di telepresenza stanno crescendo rapidamente in diversi settori di business (PA, Enterprise, Finance, …).

Lo scenario che i CIO dovranno prevedere e gestire è quindi caratterizzato da un mix di applicazioni desktop (reali o virtuali) e di sale dedicate alla video comunicazione (telepresence, video ad alta definizione …), terminali mobili abilitati al supporto del video (tablet, smartphone, ..), telefoni IP con video integrato.

La complessità da dover gestire, tenendo conto delle evoluzioni tecnologiche, della varietà e velocità con cui i nuovi terminali, le versioni software e le nuove funzionalità vengono offerte al mercato, richiedono uno sforzo notevole ai reparti ICT, grandi investimenti in tecnologia, competenze e onerose attività di system integration.

A questo link si trova la ricerca citata da cui si è preso spunto.

Da queste preliminari considerazioni nasce l'opportunità per i video Managed Service Provider (vMSP) di dare una possibile risposta alle problematiche evidenziate.

Al tempo stesso le aziende e i CIO possono affidarsi a partner specializzati che garantiscono con SLA, qualità e sicurezza l'interoperabilità dei diversi sistemi, evitando il rischio peggiore per un investimento in ambito UCC, ovvero creare silos di applicazioni di comunicazione e collaborazione e servizi non integrati, in contrasto con la filosofia stessa con cui la UCC nasce, con effetti negativi su quelli che sono i benefici attesi (aumento della produttività, flessibilità nel lavoro, fidelizzazione dei dipendenti e dell'ecosistema, time to market, ..) e quindi per concludere con impatti negativi sul ROI dell'investimento.

La ricerca condotta da Wainhouse Research rileva una posizione di dominanza da parte di Microsoft (Lync/OCS) relativamente alle soluzioni desktop ed illustra le problematiche che un vMSP deve affrontare per una integrazione con altri sistemi di video comunicazione.

L'introduzione nel mercato di Microsoft Lync come evoluzione di Microsoft OCS ha risolto alcune problematiche e semplificato l'integrazione con l'infrastruttura di rete IP e con altri sistemi di video comunicazione, ma, come si evidenzia nel report, ci sono diversi punti di criticità che solo un esperto vMSP può gestire, per garantire interoperabilità, qualità e sicurezza in un sistema di video comunicazione eterogeneo.

Di seguito viene presentato un modello di servizio, in cui il vMSP garantisce l'interoperabilità del della video comunicazione tra diversi terminali e piattaforme all'interno dell'azienda e verso l'esterno; L'IT dell'azienda può a sua volta continuare a gestire il servizio di video comunicazione sulle proprie infrastrutture senza preoccuparsi delle problematiche relative all''interoperabilità, o anche delegare completamente il vMSP nella gestione completa del servizio di video comunicazione end-to-end (terminali inclusi) con SLA e qualità contrattualizzati.

La linea di demarcazione è logica, nel senso che i “video proxy” che garantiscono l'interlavoro e integrazione tra le differenti piattaforme e terminali video possono essere ospitate nei data center del vMSP “hosted” oppure “on-premises” nei data center dell'azienda ma gestiti dal vMSP.

Possibili evoluzioni future su queste architetture di servizio possono prevedere l'evoluzione verso il mondo cloud, garantendo in modo nativo l'integrazione con i principali social network e applicazioni di business process management (BPM), abilitando la nascita di nuovi modelli di business … ma di questo parleremo in seguito.

video

Alessandro Greco

Ultimo aggiornamento Lunedì 05 Marzo 2012 09:41

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna