Home Notizie Cresce traffico su rete mobile

Cresce traffico su rete mobile

Martedì 05 Febbraio 2013 19:37

Il traffico dati sulle reti mobili a livello globale crescerà di 13 volte entro il 2017 e anche l'Italia vedrà il boom del mobile: il traffico crescerà di 9 volte in cinque anni, più della media dell'Europa Occidentale.

Secondo la ricerca Cisco Visual Networking Index (VNI) Global Mobile Data Traffic Forecast 2012 - 2017, il traffico dati sulle reti mobili del mondo crescerà di 13 volte in cinque anni: nel 2017 ammonterà a 11,2 exabyte al mese (134 exabyte all'anno). Un incremento così costante è dovuto, in parte, alla continua crescita delle connessioni internet mobile attivate da device personali e fra oggetti (Machine-to-Machine).

134 exabyte di traffico dati su reti mobili equivalgono a:
- 134 volte il volume di traffico IP fisso o mobile che esisteva nel 2000
- 30 trilioni di immagini (MMS, foto su Instagram...) all'anno: come se ogni persona sulla terra ogni anno inviasse via reti mobile dieci immagini al giorno
- 3 trilioni di clip video su Youtube – come se ogni persona sulla terra, ogni anno, caricasse un video al giorno.

L'incremento nel traffico dati globale su reti mobili previsto corrisponde a un tasso di crescita annuale composto del 66%. Soltanto fra il 2016 ed il 2017 si avrà un aumento di 3,7 exabyte al mese di traffico mobile: un volume enorme, pari a quattro volte il traffico internet mobile che si è registrato nel 2012 a livello globale.

Cisco ritiene che nel corso del periodo coperto dallo studio presentato oggi (2012 – 2017) il volume di traffico dati su reti mobili a livello globale sarà tre volte maggiore rispetto al traffico che si registrerà sulla rete fissa.

La ricerca include anche l'Italia, che riconferma la sua passione per il mobile: il traffico dati sulle nostre reti mobili crescerà di 9 volte nei prossimi cinque anni, più della media dell'Europa Occidentale (7,6), e nel 2017 in media ogni utente mobile "produrrà" 3,35 Gb di dati al mese, mentre nel 2012 il dato medio era pari a circa 421 Mb. Il 35% degli utenti mobile italiani farà parte dei "top users", che fanno transitare sulla rete mobile oltre 2 Gb di dati al mese.

Nell'ultimo anno, vi è stata una accelerazione importante: nel 2012 il traffico dati su reti mobili in Italia è cresciuto del 46% rispetto all'anno precedente, raggiungendo quota 22 Petabyte al mese (l'equivalente del contenuto di 6 milioni di DVD);  il numero di smartphone connessi alla rete mobile è cresciuto del 28%, quello dei tablet è quasi raddoppiato (ve ne erano circa 1,1 milioni) e anche le connessioni macchina-macchina sono aumentate del 68%. Per il 2017 il maggiore incremento si avrà nei tablet: si prevede che ce ne saranno 6,8 milioni.

Lo studio Cisco prevede inoltre che entro il 2016 il 71% di tutti gli smartphone e tablet (1,6 miliardi circa) potrebbero essere in grado di connettersi a una rete mobile IPv6.  Le previsioni per l'Italia sono in linea con questo dato.

L'impatto dei diversi device mobili e per tipi di connessione:
· Smartphone, laptop e tablet "produrranno" il 93% del traffico dati mobile globale entro il 2017.
· Il traffico M2M (i sistemi GPS delle auto, sistemi di tracciamento degli oggetti, applicazioni medicali etc.) daranno conto del 5% del traffico dati su reti mobile globale.
· I cellulari di vecchia generazione produrranno il rimanente 2% di traffico.

Analizzando i dati relativi ai diversi device previsti per il nostro paese, lo studio evidenzia che in Italia:
- Il traffico dati generato dagli smartphone crescerà di 20 volte nel 2017 rispetto al 2012, raggiungendo quota 97 Terabyte/mese – il 48% del traffico totale sulle reti mobile.
- Il traffico generato dai tablet crescerà di 40 volte entro il 2017, raggiungendo quota 35 Terabyte al mese – il 18% del traffico dati totale sulle reti mobili. Nel 2012, i tablet rappresentavano solo lo 0,9 del totale.
- Anche il traffico generato dai laptop crescerà di 3 volte entro il 2017, raggiungendo quota 45 Terabyte e rappresentando il 25% del totale.

velocita

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Febbraio 2013 20:02

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna