Home Notizie L'indagine TechTarget UC

L'indagine TechTarget UC

Mercoledì 13 Marzo 2013 15:28

Le aziende stanno investendo in soluzioni di collaborazione. Se Microsoft ha una presenza importante nel mercato Usa per le applicazioni di collaborazione, con Yammer e SharePoint, alcuni si chiedono se Lync sia affidabile per le comunicazioni business-critical, anche perché in questo mercato sono presenti altre importanti società dell'offerta come Cisco e IBM.

Il posizionamento futuro dei "vendor" nel mercato UCC dipende anche dagli interlocutori aziendali.
Le variazioni nei ruoli IT possono influenzare la scelta del fornitore, ad esempio, se si riscontra un aumento del potere del responsabile IT a scapito del tradizionale responsabile delle telecomunicazioni.
Lync di Microsoft é più familiare ad una persona IT che gestisce tradizionalmente prodotti Microsoft Exchange, Outlook e SharePoint, mentre un manager delle telecomunicazioni sarebbe più incline a restare con un'offerta tipo Avaya (al terzo posto nell'indagine).

L'indagine TechTarget Unified Communications, condotta nel mese di ottobre 2012, ha intervistato 348 responsabili di IT circa le loro implementazioni di UCC, i piani per gli investimenti futuri ed i fornitori preferiti.
I risultati dell'indagine hanno mostrato che il 22,7% ha dichiarato di essere pienamente operativo con soluzioni UC, mentre un altro 26,4% ha parzialmente implementato UC o fornito ad un numero limitato di dipendenti.
Parte del motivo per cui tali percentuali sono relativamente basse è che il numero di applicazioni contenute nel pacchetto UCC continua a espandersi.
UCC sta diventando sempre più una piattaforma applicativa comprendete un gruppo di soluzioni e servizi.
Gli addetti desiderano più funzionalità all'interno delle applicazioni già in uso, ed è lì che Microsoft si differenzia e che può tentare di cambiare il modo in cui le persone pensano all'UCC.

Dal momento che le applicazioni comprese sotto il termine UCC sono cresciute nel corso degli anni, aumenta anche la confusione per chi acquista e gestisce applicazioni UCC.
Quasi un terzo (32,5%) degli intervistati ha citato la mancanza di personale IT qualificato come un ostacolo alla distribuzione di UCC.
Dopo aver iniziato con il VoIP e la presenza, UCC ora include web e audio conferenza, video desktop e room-based, servizi di call center, messaggistica unificata, mobile UC, UC-enabled e il social networking.
Nel sondaggio VoIP è al primo posto nel 63,2% dei casi, seguito da audio conferenza al 59,7% e da web conferencing al 45,4%.

Al di là delle applicazioni tradizionali, gli intervistati non sempre sono d'accordo di includerne altre funzionalità sotto la stessa definizione di UCC.
Un 30% degli intervistati ha dichiarato di non considerare i social media un elemento di UCC,  anche se il 50% di loro ha implementato o sta progettando di attivare applicazioni di social media.

La necessità di migliorare la produttività dei team è di gran lunga il tema più affrontato nelle applicazioni di collaborazione.
Gli intervistati hanno citato il miglioramento della collaborazione aziendale come il più grande vantaggio di UCC (57,5%), seguito dal miglioramento nel tempo di accesso alle informazioni (56%) e dalla riduzione dei costi di comunicazione (55,5%).
La riduzione delle trasferte come effetto derivante dalla adozione di video conferenze è solo al 47,1% delle risposte.

Gli ostacoli alla diffusione di UCC sono stati ripartiti equamente fra un certo numero di opzioni.
Gli aspetti più problematici sono dovuti alla mancanza di personale IT qualificato (32,5%) e al ritorno sugli investimenti incerti (27,9%).
Per sviluppare le applicazioni UCC in modo integrato, le organizzazioni devono sempre più fidarsi del modello in cloud, rispetto alle precedenti soluzioni basati su hardware in premises.
La difficoltà nel calcolo dei costi iniziali di implementazione è terzo nella lista degli ostacoli al 25%, seguito dalle preoccupazioni per la sicurezza (23,3%).

bullet-arancio Leggere da "UC survey results: Cisco and Microsoft Lync duke it out" di Kate Gerwig

Microsoft Lync sta cercando di sostituire i PBX, e si pone in concorrenza con i fornitori tradizionali di UCC - come Cisco e Siemens - ma anche con i fornitori di PBX tradizionali.
Tuttavia una piattaforma matura di voce e video dovrà considerare la domanda dei clienti  di funzionalità aggiuntive e di maggiore capacità nel tempo ed é certo che i concorrenti di Microsoft Lync continueranno a migliorare le funzionalità di voce e video negli sviluppi futuri.

bullet-arancio Leggere da "Microsoft collaboration tools: Is Lync ready for business?" di Gina Narcisi

bullet-arancio Leggere anche  "I vendor più innovativi"

Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Marzo 2013 15:59

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna