Home Notizie Quadrante Gartner UC 2016

Quadrante Gartner UC 2016

Lunedì 01 Agosto 2016 14:25

Il MQ dedicato al mercato UC nel 2016 offre alcuni chiari messaggi sulla maturazione del settore. Il mercato UC enterprise continua a crescere, ma si aspetta più consolidamento e aumento delle aspettative degli utenti , con accento sulla capacità dei vendor di telefonia.

"L'obiettivo primario di tutte le soluzioni UC è quello di aumentare la produttività degli utenti e migliorare i processi di business relativi alle comunicazioni e alla collaborazione, considerando UC come la comunicazione integrata per ottimizzare i processi di business" (fonte: UCStrategies e UniComm Consulting).mq 2016
Nell’ultima edizione del MQ i vendor classificati nei quattro quadranti sono:

  • Leaders: Cisco, Microsoft, Mitel, Avaya
  • Challengers: NEC, ALE, Huawei
  • Visionaries: Unify
  • Niche Players: ShoreTel, Interactive Intelligence

Rispetto alla rilevazione del 2015, Cisco ha tenuto la sua posizione di leader, mentre Microsoft ha avuto un lieve declino a causa degli effetti dell'evoluzione di Office 365 Cloude Voice. Anche Avaya è leggermente arretrata nella capacità di esecuzione, ma è rimasta nel quadrante dei leader.
Unify si è spostata da Niche Player a Visionary, mentre ShoreTel si è spostata in senso opposto. Huawei avanzata da Niche Player a Challenger sulla base della crescente forza del loro portafoglio UC e della presenza geografica.

Secondo Gartner questo UC MQ 2016 solleva molte domande, dando messaggi contrastanti per i decisori aziendali.
Le principali domande sono:

1) Ci si concentrerà sulla telefonia o su UC?
Gartner afferma che il consolidamento dei vendor UC e l'aumento delle aspettative degli utenti di UC pongono l'accento sulla capacità dei fornitori di telefonia. Ciò sembra essere il contrario di ciò che sta accadendo in molte organizzazioni. E-mail e IM stanno dominando; la maggior parte della comunicazione vocale aziendale si svolge durante incontri piuttosto che con chiamate telefoniche; e la continua crescita della comunicazione mobile nella maggior parte dei casi ha emarginando il PBX. Prima di investire in UC le imprese dovranno comprendere queste dinamiche.

2) Come tener conto del Cloud UC?
Gartner sottolinea che "l'integrazione di UC on-premises con i servizi in cloud e le soluzioni di UC ibride svolgono un ruolo sempre più importante, in quanto queste opzioni (cloud e ibride) maturano." Questa frase suona vera, tuttavia, sottostima una possibile discontinuità. Dei 20 fornitori analizzati nel 2015 dal quadrante UcaaS, solo tre di loro - Microsoft, Mitel e ShoreTel – si ritrovano anche nel quadrante 2016 e nessuno di questi tre era classificato nel settore dei Leaders. Sembra abbastanza impossibile prendere una decisione su UC senza valutare lo stato di evoluzione dell’ UCaaS.
Gartner fa notare che, "tutti i fornitori di UC presenti in questo rapporto hanno una soluzione cloud". Ma, molti di loro (come Avaya o Cisco HCS) stanno offrendo le versioni hosted dei prodotti on-premise e non rendono disponibili agilità, nuove funzionalità ed economicità, forniti, invece, da un'offerta di cloud nativa (come nel caso di Interactive Intelligence Pure Cloud, Microsoft Office 365 Cloud Voice, NEC Blu, ShoreTel Connect Cloud).

3) Quali fornitori sono finanziariamente buoni partner a lungo termine?
Gartner sottolinea la solidità finanziaria dei fornitori UC. Tuttavia, non sempre i dati necessari sono uniformemente visibili. Molte informazioni finanziarie dei venditori (Cisco, Huawei, Microsoft, NEC e Unify) sono aggregate nei risultati delle capogruppo. In questi casi si conoscono solo le strategie aziendali globali. Come valutare quelle relative ai mercati UC?
Gartner pone domande o raccomanda prudenza per ALE e Avaya e non commenta i dati finanziari di Interactive Intelligence e di ShoreTel.

bullet arancio Interactive Intelligence Reports 2016 Second-Quarter Financial Results
- Licensed 204 PureCloud® customers in Q2, up over 70% from Q1 2016
- Cloud subscriptions increase 43% year-over-year
- Total revenues up 13% year-over-year to $108.8 million
Leggere…

4) Come funzioneranno le soluzioni di collaborazione nelle aziende?
Il tema della collaborazione é un concetto forte, molto legato al Communications-Enabled Business Processes, CEBP, in cui le comunicazioni sono intrinseche al flusso di lavoro dell’utilizzatore. E’ probabile che i leader dell’offera di soluzione di collaborazione non saranno tra le società presenti nel 2016 UC MQ Vendor List, con la possibile eccezione di Microsoft di Office 365 e Dynamics. Altri potranno essere i leader: Salesforce.com, Slack, IBM Connections.
Gartner afferma che, "la metà dei vendor del Magic Quadrant di quest’anno hanno aggiunto questa funzionalità nei loro portafogli UC." Tuttavia, non è chiaro se qualcuno, tra cui la stessa Microsoft, sia pronto a vincere in questo spazio emergente occupato da work stream services cloud-based.

5) Un'architettura IP PBX è la migliore piattaforma per CEBP?
Gartner nota che una piattaforma di comunicazione come servizio (cPaaS) è vista come un'opzione importante per partner e clienti che desiderano sviluppare iniziative digitali. Tuttavia, ancor più di quanto detto per la collaboration, questo mercato per piattaforme di comunicazione si sta sviluppando in modo indipendentemente dai vendor UC. Certo, i venditori incumbent UC stanno rimarchiando e riconfezionando l'offerta di sviluppo e l’integrazione di applicazioni; alcuni stanno investendo in questo settore, per integrare il loro portafoglio (es. acquisizione di Tropo da parte di Cisco).

6) Come progettare l’Esperienza degli Utenti aziendali?
Gartner pone grande enfasi sulla User Experiences, UX vista come veicolo per l'integrazione dei servizi di comunicazione. Sì, questo è importante, ma la UX sarà più probabilmente guidata dai processi di business o dai pacchetti sw del flusso di lavoro, piuttosto che dal client software dei vendor UC.

Tutti i temi sopra riportati sono importanti e rispondere a queste domande è fondamentale per sviluppare una strategia di comunicazioni aziendali che includa l'investimento in UC.
Non si può rispondere entro i limiti di questo quadrante UC. Ma vanno considerati altri mercati: UCaaS, Social Software, Enterprise Content Management, Web Conferencing, applicazioni CRM, e altri ancora.
La UC non può essere analizzata come una decisione autonoma e si richiede una comprensione di come le comunicazioni potranno sostenere e valorizzare i processi di business e supporteranno gli utenti (dipendenti, fornitori, partner, clienti) in quei processi di business.

Chi decide in azienda si trova di fronte ad una scelta difficile. L'istinto è quello di guardare e aspettare l’offerta native cloud o che maturino le comunicazioni CEBP e cPaaS. Il consiglio è di scegliere uno o due profili di utilizzo in cui queste innovazioni avranno i maggiori benefici ed eseguire uno o più progetti pilota, con un mix di fornitori di cloud-based, sia che questi si trovino nel quadrante UC oppure in quello UCaaS.

bullet arancio Testo tratto da “Gartner Magic Quadrant for Unified Communications 2016 – Raising Questions about UC!” - scritto da Marty Parker - 25 luglio 2016Marty Parker - 25 luglio 2016

bullet arancio Leggere anche: "Gartner Magic Quadrant for Unified Communications 2015 – The Maturity Maze" - 12 agosto 2016

Ultimo aggiornamento Giovedì 17 Novembre 2016 16:47

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna